Il portale del software

Internet italiana bloccata da virus, dice il TG5

di Redazione Software.it

Panico da virus grazie al TG5

Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di "frac" e "marco". L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Il TG5 di stasera ha riportato una notizia informatica decisamente curiosa. Potete rivedere il servizio di Lella Confalonieri qui, ma vi trascrivo il testo qui sotto. Il titolo un tantinello allarmistico è "Internet: epidemia".

Avete presente le autostrade durante i periodi di vacanza? Tante macchine tutte in fila e nessuno che si muove di un centimetro? Ebbene, questa è la situazione che si sta verificando in questi giorni nella grande autostrada della rete Internet italiana. Collegamenti impossibili, posta elettronica difficile da inviare. Insomma, tutti fermi. Un fenomeno solo italiano, a quanto pare, dovuto a file cattivi che stanno infestando i computer nostrani. Spyware, programmi che si infiltrano e spiano le abitudini, malaware [sic] che provocano danni, o adware che ci inondano di pubblicità non desiderata. Sono parenti dei virus più aggressivi, e l'infezione si trasmette proprio navigando in Rete. Scaricando programmi che sembrano innocui, si installano sul computer anche quelli dannosi, e così i programmi da una sola postazione riescono a moltiplicare all'infinito gli accessi alla Rete, e il sistema va in tilt. Il problema è così sentito che Telecom, gestore di importanti server italiani, ha istituito un numero, 19122, che fornisce soluzioni tecniche adeguate, che poi sono sempre le stesse: un buon antivirus, da lanciare di tanto in tanto, giusto per fare un po' di pulizia.

In altre parole, il TG5 dice che c'è un problema dovuto a "file cattivi" (complimenti per la terminologia rigorosa e non ambigua), però non dice quali sono, non dice quali sistemi operativi sono colpiti, fornisce indicazioni contraddittorie sul metodo d'infezione (ci si infetta già soltanto navigando in Rete o bisogna anche scaricare dei "programmi che sembrano innocui"?), e non dice nulla di sensato sulle contromisure da prendere: anzi, fornisce anche un consiglio irresponsabile come usare l'antivirus solo "di tanto in tanto". Un po' come dire "la cintura di sicurezza? basta usarla di tanto in tanto". Il preservativo per i rapporti a rischio? Idem, è sufficiente usarlo solo "di tanto in tanto".

Saranno contenti gli addetti al call center di Telecom, che si troveranno inondati di chiamate grazie a un servizio di telegiornale che semina soltanto panico insensato senza fornire alcuna indicazione utile, ma anzi rifilando ad altri il pacco di spiegare agli utenti cosa fare.

Sto cercando di capire cosa può aver scatenato questa crisi di Paneraite. Dalla Svizzera, purtroppo, non posso chiamare il 19122. Questo articolo di Punto Informatico sembra gettare un po' di luce sulla questione: sarebbero sovraccarichi i server DNS di vari provider italiani, a causa dei numerosissimi computer infettati che stanno diffondendo spam. Può darsi che c'entri l'ondata di tentativi d'infezione lanciata nei giorni scorsi con la falsa e-mail di diffida dell'avvocato.

Il rimedio, sempre stando all'articolo di Punto Informatico, consiste almeno in parte in una modifica delle impostazioni del DNS nel proprio computer, che Alice.it dovrebbe pubblicare a breve nell'ambito di istruzioni per mitigare il problema.

Update 1
Stando alle informazioni scovate da un lettore (grazie Maurizio), il TG5 ha tralasciato di specificare un dato importante: il servizio al numero 19122 è attivo soltanto dalle 8 alle 18.30, per cui è inutile chiamarlo adesso.

Maurizio segnala anche che Repubblica ha pubblicato un articolo insolitamente accurato (visti i precedenti bufalini della testata, ma la mano felice di Alessandro Longo fa la differenza) che spiega come modificare le impostazioni di DNS (per gli utenti Windows; quelli Mac e Linux si devono arrangiare) e dal quale il TG5 ha pescato a piene mani espressioni come "file cattivi" e paragoni autostradali, omettendo invece la sostanza: cambiando i settaggi del DNS, Internet riprende a funzionare. Se poi usate Windows, dovete inoltre controllare le condizioni del vostro computer usando non solo un antivirus, ma anche un antispyware, per eliminare eventuali infezioni.

Update 2
I commenti qui sotto segnalano delle informazioni tecniche pubblicate da Telecom Italia presso www.helpadsl.it: si parla di "notevole diffusione di spyware o adware il cui effetto si manifesta nella possibile difficoltà di connessione e nel saltuario sovraccarico dei sistemi DNS dei vari Internet Service Provider." La soluzione è il cambio delle impostazioni di DNS descritto sul sito, seguendo le istruzioni fornite per Windows, Mac OS e Linux. I DNS indicati, tuttavia, sono presumibilmente riservati ai clienti Telecom: gli altri possono appoggiarsi agli OpenDNS citati da Repubblica.

Per gentile concessione di Paolo Attivissimo


:: Nessun Allegato ::