Il portale del software

DivX 6 - I Parte

di Amministrazione SOFTWARE.IT

Comincia oggi il nostro viaggio in tre puntate alla scoperta della nuova versione di DivX. Ecco le nuove funzionalità.

Mi sembra sia stato solo ieri che recensivo entusiasta la versione 5 dell'allora nascente DivX: un sistema di compressione video per molti versi rivoluzionario, tanto potente quanto performante, capace di imporsi come standard di fatto per il multimedia.

Ma ormai tre lunghi anni sono passati (l'equivalente di un lustro, per il mondo informatico!) ed è quindi con aspettative molto elevate che approccio questa nuovissima edizione 6 del popolare compressore, curioso più che mai di vedere quali nuove frontiere abbia raggiunto il team di sviluppo.

Il modello di licenze
Con questa release DivX Inc. ha snellito e semplificato molto il sistema di licenza. Innanzitutto la tanto odiata versione con sponsor incorporato è stata mandata definitivamente in pensione: ora gli unici due pacchetti disponibili sono DivX Create (quello provato da noi) e DivX Play .

La prima edizione è più completa ed è chiaramente destinata a chi, oltre a guardare, desidera anche utilizzare il codec per effettuare conversioni dei propri filmati con qualità professionale.

DivX Play è invece più snello, ed è indirizzato a chi è intenzionato prevalentemente a visionare i filmati prodotti da altri: con quest'ultima è comunque possibile effettuare compressioni, ma alcune funzionalità avanzate sono disabilitate.

Entrambe le versioni includono DivX Player , un riproduttore multimediale sobrio e molto usabile, e tutti i codec necessari per riprodurre con qualsiasi player materiale compresso in qualsiasi versione DivX, tanto la vetusta 4 quanto il nuovo formato DivX 6 di cui tratteremo in seguito.

La versione per guardoni è del tutto gratuita, mentre la Create può essere utilizzata per 15 giorni, trascorsi i quali sarà necessario acquistare una licenza per soli 20$ (4.99$ per chi aggiorna da DivX 5).



Bye, bye Windows 98/ME!
DivX 6 è disponibile unicamente per le ultime generazioni della piattaforma Windows, vale a dire Windows XP, Windows 2000 e Windows Server 2003: gli utenti ancora legati a Windows 98/98SE/ME potranno comunque visualizzare i filmati creati con il nuovo DivX utilizzando l'apposito player, ma non codificare con il nuovo compressore.

Felici invece gli utenti della Mela: DivX Inc. rilascerà infatti a brevissimo anche una versione per Macintosh.

Installazione
L'installazione della nuova release avviene senza problemi: ho evitato di disinstallare la versione 5 dalla mia macchina, per poter verificare se fosse possibile far convivere le due generazioni, ma la nuova 6 si è imposta sul sistema, rimuovendo automaticamente l'antenata.

La prima cosa che salta agli occhi ultimato il setup è il ricco gruppo di link inseriti nel menu start: da questa versione infatti DivX viene distribuito assieme ad un programma di codifica, chiamato senza troppa fantasia DivX Converter . Sono presenti inoltre il già citato DivX Player, il tool avanzato EKG e la solita utility per bilanciare qualità e fluidità dell'immagine.

Fortunatamente comunque il setup è altamente personalizzabile, e permette di scegliere manualmente quali componenti installare.



DivX Media Format
A partire da questa release DivX fa un salto in avanti anche come tipo di prodotto: se una volta era solamente un (eccellente) codec, ora il gruppo vuole farne un vero e proprio concorrente al DVD-Video.

Da questa versione infatti i file DivX possono essere salvati in un nuovo contenitore chiamato appunto DivX Media Format (DMF ), i cui file hanno estensione .divx. Dentro questa scatolina, oltre ad audio e video, trovano posto anche sottotitoli, menu interattivi e divisione in capitoli, proprio come sui DVD.

Al momento non sono ancora disponibili strumenti di editing opportuni, e non abbiamo potuto testare queste funzionalità avanzate. Sul sito ufficiale però è già disponibile una film intero codificato in DMF: si tratta di un episodio di Star Wars realizzato da alcuni fan, che ne concedono il download gratuito e con cui è possibile provare le chicche della nuova versione di DivX (il filmato, manco a dirlo, richiede DivX 6 e DivX Player per poter essere riprodotto correttamente).

Compatibilità
Il gruppo ha lavorato davvero duro per riuscire a convincere i produttori di lettori DVD da tavolo ad integrare il proprio sistema, e ha rassicurato con forza riguardo alla compatibilità dei "vecchi" lettori con il nuovo formato: i filmati in DivX 6 gireranno senza alcun problema su tutti i lettori compatibili con la versione 5, eccezion fatta per le caratteristiche avanzate introdotte da DMF, che vengono semplicemente ignorate.

I primi lettori 100% compatibili con DMF arriveranno entro la fine dell'anno, mentre a partire dall'autunno saranno disponibili sui siti dei vari produttori firmware aggiornati, in grado di portare il nuovo formato anche sui dispositivi attualmente in circolazione.


Nelle prossime settimane vedremo come si comporta DivX 6 nella pratica, e se vi siano reali benefici rispetto alla versione precedente.


:: Nessun Allegato ::